Giovedì, Novembre 25, 2010

North Korea

northkorea.jpg Il primo ministro giapponese Naoto Kan insieme alla controparte sud coreana Lee Myung Bak sta cercando di prendere accordi per un incontro a Washington con il presidente degli Stati Uniti Barak Obama ed il Segretario di Stato Hillary Clinton.
L’incontro potrebbe avvenire ai primi di dicembre e focalizzarsi sulle misure da prendere a proposito della problematica North Korea .
In Giappone si respira un’aria molto tesa, così come in Corea del Sud, a causa delle recenti provocazioni del Nord, un bombardamento che martedì ha provocato la morte di 4 persone mentre altre 18 sono rimaste ferite.
E’ da anni che si paventava un accadimento simile ma fra la gente comune, erano pochi a credere che sarebbe davvero successo.
Invece ecco che il governo di Pyongyang sorprende tutti con un attacco contro una piccola isola sud coreana del Mar Giallo.
Il p.m. giapponese ha anche informato che parlerà con Beijing per cercare di convincere il governo cinese ad agire sul Pyongyang e a far smettere ogni ulteriore atto belligerante.
La Cina protegge da anni la Corea del Nord e la sua politica fortemente militarista.
il Giappone ha anche chiesto l’aiuto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite esortando l’organismo internazionale ad intraprendere azioni precise contro la Corea del Nord.
Nel frattempo le coste occidentali del Giappone sono particolarmente monitorate.
Insomma tutti i vari ministeri giapponesi sono in stato d’allerta e la sensazione generale verso quanto accaduto l’altro giorno è di massima preoccupazione.
Proprio non ci voleva una fine d’anno così tesa.
Chi ci va di mezzo come al solito sono le persone, i civili che non vorrebbero altro che uscire dalla crisi economica una volta per tutte e avere politici finalmente sintonizzati sulle riforme necessarie a metter fine alla devoluzione.
Passa il tempo e aumentano le relazioni fra le persone del villaggio globale, tuttavia c’è sempre un gruppo di imbecilli che ama sparare da una parte all’altra del mare e probabilmente non ha un consolle con cui giocare ai video games.
Quando la smetteranno di esistere?

Condividi