Domenica, Agosto 15, 2010

O Bon

Mezza estate e dunque お盆 O Bon !
obon1.jpg
La festa in cui in Giappone si ricordano e si accolgono per tre giorni, gli spiriti dei nostri antenati che vengono a farci visita ogni estate, dal 13 al 15 di agosto.
E’ una tradizione di origine buddista secondo la quale si crede che gli spiriti dei nostri parenti defunti ritornino nel mondo e vengano a trovarci a mezza estate e la finalità della ricorrenza è quella di unire le persone vive con gli spiriti.
Per tre giorni ogni famiglia è pronta ad accogliere i morti che ritornano e che pare siano molto esigenti e facili alla permalosità.
Cosicché è meglio lasciare fuori dalla porta di casa del cibo e da bere, come benvenuto.
La presenza degli spiriti è davvero sentita e talvolta le persone provano a comunicare con loro, chiedono consigli e si confidano.
Oltre a ciò, si va al tempio e si prega per i defunti con l’assistenza dei preti buddisti e si dovrebbe ricordare l’importanza dei legami familiari e il rispetto per chi non è più con noi.
Questa festa a mio parere particolarmente interessante, servirebbe anche a prendere coscienza, pian piano, di quanto sia prezioso e breve il tempo da vivere insieme ai nostri cari.
O Bon è anche conosciuto come Festa delle lanterne perché si usa accendere delle lanterne intorno all’altare dei defunti
nella ざしき zashiki, la stanza principale della casa, in modo da far luce e favorire gli spiriti nel ritrovare la porta di casa.
Ma la parte più divertente della festa arriva con il calar della sera del 15 agosto, quando per salutare gli spiriti che stanno per lasciarci, si balla 盆おどり Bon Odori, la danza di Obon.
Gli abitanti del quartiere si riuniscono nel parco del tempio e alla luce delle lanterne, al ritmo dei たいこ Taiko e al suono dei flauti, danzano per ore ed ore.
Vestiti con gli yukata estivi i bambini e gli adulti fanno girotondi e saltellano senza sosta nella notte mentre gli antenati lentamente tornano nella loro dimensione di spiriti…..

Condividi