Martedì, Marzo 16, 2010

Akihito sama

Pubblicato dal Venerdì di Repubblica, 11.12.2009
Il suo compleanno è stato il 23 dicembre, giorno in cui ha compiuto 76 anni ed ha concluso un 2009 davvero significativo.

pc220264.jpg

photo by Charlie de Volpi,Tokyo 23-12-2009

Akihito (Tsugu no miya) 継宮 è il 125mo Imperatore 天皇陛下 del Giappone che regna, da ormai 20 anni, l’ era chiamata Heisei 平成 , ovvero del Raggiungimento della Pace ovunque.
Un periodo decisamente diverso da quello lunghissimo e drammatico, finito con la morte del padre Hirohito (1926 -1989 era Showa).
L’imperatore ha festeggiato l’ anniversario del suo regno a novembre alla presenza di Barak Obama, ferocemente criticato da casa per essersi inchinato davanti al reale, segno per i massimi sistemi statunitensi di inammissibile inferiorità.
Forse Obama voleva solo essere gentile e salutare un regnante di età avanzata come si usa fare in Giappone, cioè inchinandosi.
Ad ottobre l’imperatore Akihito ha anche festeggiato le nozze d’oro con la consorte Michiko, prima donna non aristocratica ad entrare a far parte della famiglia del Crisantemo, la dinastia regnante più antica al mondo.
Akihito, da giovane futuro imperatore, fu il primo a studiare in scuole frequentate da stranieri, ed è da sempre appassionato non di politica e diplomazia, ma di biologia marina e delle centinaia di varietà di pesci che abitano gli Oceani.
E’ anche un ottimo violoncellista e predilige suonare brani di Mozart, Grieg o Beethooven accompagnato alla viola dalla moglie.
Di bassa statura, esile e dai modi decisamente gentili ed eleganti, si distingue per la sua modestia da altri famosi capi di stato o di governo a lui coetanei. Akihito è preoccupato per gli anni a venire del Giappone: accetta con piacere di essere un simbolo e non un “Dio vivente” come fu suo padre, ma capisce che le sfide della post- crisi sono ardue da gestire e vista l’età, gli piacerebbe che il suo primogenito, il principe Naruhito, gli succedesse regalandogli una vecchiaia più serena e meno carica d’impegni.
Anche quest’anno nella festa nazionale del 23 dicembre, Akihito si è mostrato alla folla che ogni anno lo aspetta asserragliata nel parco del Palazzo Imperiale: luogo della solitudine di un Imperatore che solo due volte all’anno può mostrarsi ai suoi sudditi ed augurare a tutti loro un futuro migliore.
pc220220.jpg

photo by Charlie de Volpi, Tokyo 23-12-2009

Condividi